enciclopedia
L’escrow agreement è l’accordo con il quale denaro o documenti quali atti di trasferimento o titoli di credito vengono consegnati ad un depositario il quale ha l’obbligo di consegnarli ad una determinata parte di un contratto solo qualora questa abbia adempiuto correttamente. La figura dell’escrow si colloca nella categoria – più ampia – di trust. Infatti, il depositario altri non è che un trustee con poteri limitati.

Quando il depositario si impegna nei confronti di entrambe le parti del contratto viene chiamato escrow holder; quando, invece, l’escrow viene posto in essere da una parte soltanto il fiduciario viene chiamato escrow agent.

L’utilizzo classico degli escrow agreements si registra prevalentemente nell’ambito delle vendite immobiliari che presentano elementi di internazionalità (parti e/o beni facenti parti di differenti ordinamenti giuridici nazionali).

Questa prassi trova una sempre più frequente collocazione nel diritto anglosassone nell’area delle conveyancing transactions, vale a dire casi di trasferimento di proprietà nei quali o è il venditore dell’immobile che – dopo aver sottoscritto il deed of conveyance (l’atto di trasferimento) – lo affida ad un solicitor di fiducia cosicché quest’ultimo poi lo consegni all’acquirente ad avvenuto pagamento del prezzo, oppure è il compratore stesso che – nelle more di completamento dell’atto di vendita – consegna la somma oggetto dell’atto al suo solicitor.

Di recente il mezzo giuridico in esame è stato spesso opportunamente utilizzato anche come strumento atipico nei rapporti finanziari tra istituti di credito e gruppi di società, al fine di permettere alla società capogruppo di svolgere la propria assistenza finanziaria alle società controllate.

In questo caso il mandato di escrow mira a raggiungere e realizzare simultaneamente gli obiettivi della lettera di patronage e del pegno su quote sociali; infatti nell’accordo di escrow si esplicitano da parte delle società holding le dichiarazioni:

  • di consapevolezza con cui la società madre dichiara di essere al corrente dei rapporti di finanziamento esistenti o da porre in essere;
  • di approvazione di questi rapporti;
  • di confermativa di controllo con cui si enunciano le percentuali di partecipazione al capitale da parte della società holding. Inoltre, l’accordo di escrow usualmente contiene la garanzia sul fatto che le partecipazioni nel capitale sociale delle società controllate, debitrici principali, non verranno cedute a soggetti non graditi dalle banche in quanto i titoli azionari saranno posti materialmente al di fuori della disponibilità dei soci e della società perché appunto depositati fiduciariamente presso un soggetto terzo di alto profilo professionale. Si eviterà così che dalla compagine della società debitrice venga meno proprio quel soggetto (la capogruppo) che offre le maggiori credenziali di affidabilità e solvibilità e che molto spesso è l’unico in grado di garantire continuità aziendale.